Consigli di lettura: il respiro delle grotte

<Eccolo, l'ingresso dell'abisso. “Entra” mi ha detto, col suo alito di pietra umida e muschio; mi ha promesso un nuovo viaggio. Sicché mi appendo alla corda, mi stacco dagli ancoraggi, e comincio a calarmi nella grotta.

Come ogni volta, ho annodato a un albero il mio filo di Arianna immaginario: me lo porterò dietro, lo srotolerò lungo le gallerie sotterranee e nei meandri, nelle sale, giù per i pozzi.>

Natalino Russo, con semplicità e ironia, ci porta dentro le montagne, ultima frontiera dell'esplorazione, raccontandoci di luoghi sotterranei illuminati per la prima volta, di nuove geografie, ma anche di fatica e di passione. Un libretto leggero e godibile, in cui la storia autobiografica è solo lo spunto per riflessioni sul senso di fare speleologia.

Lo trovate in biblioteca, nella sezione “narrativa”.

Natalino Russo, Il respiro delle grotte. Piccole divagazioni sulla profondità. Ediciclo editore 2013.

Lascia un messaggio